Offerte lavoro



 
 

 

Diritto e impresa

4 - 7 minuti Tempo di lettura

Dopo la laurea come hai impostato la ricerca del lavoro? Quale l'esperienza di lavoro più significativa che hai avuto?

Sinceramente, ho dedicato alcuni dei miei anni post-universitari allo studio, in vista del concorso notarile, cui ho partecipato successivamente. Ritengo che quegli anni di intenso studio e formazione siano stati importanti al fine di acquisire quella "forma mentis" e quel bagaglio di competenze e conoscenze sufficienti ad afffrontare le successive sfide professionali.

L'esperienza di lavoro più significativa è senza dubbio quella che sto ancora oggi vivendo, quale Avvocato associato allo Studio Legance. Si tratta di un nuovissima realtà, nell'ambito del panorama legale, seppure già consolidata a livello nazionale, in cui dinamismo e efficienza rappresentano alcuni degli standard di riferimento cui uniformarsi. Quotidianamente, il singolo associato, compatibilmente con le proprie competenze ed esperienze, viene coinvolto in molteplici e impegnative attività di studio e approfondimento, spesso a contatto diretto con il Cliente.

Perché hai scelto di continuare gli studi con la formazione post universitaria? Che master hai frequentato? Presso quale scuola?

La scelta di frequentare un Master, quale quello della Business School del Sole 24 ORE in "Diritto e Impresa", è stata dettata dalla mia esigenza di proiettarmi in una realtà, tanto formativa quanto, in prospettiva, professionale di altissimo livello. Durante le single lezioni, ho avuto, infatti, l'occasione, non soltanto di approfondire ulteriormente lo studio del diritto ma, soprattutto, di confrontarmi con Professionisti di importanti Studi legali nazionali e internazionali, tentando, il più possibile, di mostrare le mie competenze, al fine di cogliere concrete opportunità di inserimento e crescita professionale all'interno di importanti realtà, nell'ambito del mondo legale.

Come ti sei mosso per una corretta informazione? Come hai avuto notizie del master?

Ho ricevuto notizie sul corso, tramite miei amici che avevano frequentato lo stesso Master. Ascoltate le loro opinioni, ho successivamente approfondito le informazioni in mio possesso, tramite internet.

Come si articolava (frequenza, orari, durata totale, test)? Erano previsti tirocini e/o stage finali?

Il Master è stato piuttosto intenso e suddiviso in moduli, con frequenza quotidiana, dalla 9 alle 17.30 circa. Erano previsti prove di esame, sia intermedie che finali. L'aspetto di ulteriore interesse del Master, è stata la possibilità di poter svolgere un periodo di stage all'interno di un importante Studio Legale Internazionale, quale è Baker&McKenzie.

In particolare, in considerazione delle mie potenzialità e del mio curriculum studiorum, mi è stata offerta l'opportunità di avere un colloquio con alcuni Partners dello Studio Baker e, successivamente, ho appreso di essere stato scelto per l'assegnazione di una Borsa di Studio, concessa direttamente da Baker&Mckenzie. Questo mi ha permesso, non soltanto di poter seguire un Master, certamente impegnativo sul piano economico, ma anche di poter immediatamente frequentare una realtà legale di pregio quale lo Studio Baker&Mckenzie di Milano, tentando di farmi apprezzare per le mie qualità umane e intellettuali.

Quali gli argomenti principali toccati?

Principalmente Dritto societario, diritto civile ma anche tributario, diritto intellettuale, Antitrust e principi in materia contabile e di bilancio. Un insieme di materie, pertanto, che costituiscono, senza dubbio, il bagaglio culturale "minimo" di chi aspira a divenire un apprezzato professionista, in particolare ricoprendo il ruolo di giurista d'impresa.

Presso quale realtà hai effettuato lo stage finale? Di cosa ti occupavi?

Come detto Baker&Mckenzie. Sono stato subito coinvolto nell'ambito del Dipartimento di Banking&Finance, sotto la supervisione dell'Avv. Ludovico Rusconi, eccellente professionista e persona dotata di grande carisma che, con passione, mi ha seguito durante tutto il periodo di tirocinio, valutando le mie potenzialità, assecondando le mie inclinazioni e valorizzando le mie competenze. In particolare mi sono occupato di alcune operazione sul capitale inerenti società quotate in borsa, quale l'emissione di warrants, a fronte di un collegato aumento di capitale o, ancora, la predisposizione di un memorandum in tema di prospetto informativo e responsabilità delle banche.

E' stato difficile riprendere gli studi dopo la laurea?

No, dato che, come detto, non ho mai, se posso dirlo, smesso di studiare, dato il mio impegno per il concorso notarile e il mio coinvolgimento in attività didattiche e accademiche presso la cattedra di Diritto Privato dell'Università di Tor Vergata, ove attualmente sto terminando il terzo anno di un Dottorato di Ricerca in diritto civile.

In che modo le conoscenze maturate durante il master ti aiuteranno ad affrontare il mondo del lavoro? (entrare anche nei dettagli tecnici)?

Le competenze acquisite nel corso degli studi, mi hanno consentito di risolvere molte delle problematiche che quotidianamente un giovane associato si ritrova a dover affrontare. In particolare, lo studio del diritto societario, di cui mi occupo prevalentemente, mi ha consentito di predisporre documenti, redigere pareri o partecipare ad operazione aventi ad oggetto istituti giuridici spesso di recente approvazione quali (i) la costituzione di una società bancaria, anche alla luce delle nuove Disposizioni di Vigilanza in materia di governo societario, (ii) la predisposizione di quanto necessario al fine di procedere ad operazioni sul capitale, alla luce, tra l'altro, della nuova normativa in tema di conferimenti in natura ex art. 2343-ter e ss. c.c., (iii) la stesura di uno statuto societario con la previsione di una persona giuridica quale amministratore.

Da giovane professionista quale consiglio daresti a chi si sta affacciando al mondo del lavoro oggi? Che ruolo ha in questo la formazione post universitaria?

Il ruolo della formazione post universitaria è fondamentale. Ritengo che gli anni dedicati allo studio e alla formazione, successivamente al periodo universitario, costituiscano le reali fondamenta di qualunque libero professionista. Una scelta consapevole e "mirata" del proprio percorso post universitario può senza dubbio rappresentare un eccellente punto di partenza per un futuro, auspicabilmente, ricco di soddisfazione professionali e umane.

Per un neolaureato in corsi affini al tuo cosa credi riservi il mondo del lavoro nei prossimi anni?

Certamente ci troviamo in una fase di stallo e di difficoltà economica che, necessariamente, si riflette anche sul mercato del lavoro. Cionostante, ritengo che, proprio nelle fasi di minor crescita economica e di minore possibilità di lavoro, un giovane laureato debba, a fortiori, impegnarsi negli studi al fine di poter conseguire quegli strumenti e quelle competenze che lo rendano "immune", il più possibile, dalle conseguenze derivanti da una riduzione della domanda di lavoro, consentendogli di potersi, comunque, collocare sul mercato per poi sfruttare quelle stesse competenze al fine di crescere professionalmente, man mano che la fase di maggior crisi economica vada dissolvendosi.

In una economia basta sempre più sugli scambi commerciali internazionali, credo che la consulenza legale sarà sempre di più un servizio essenziale per garantire la certezza dei traffici giuridici e la conseguente crescita dei soggetti economici coinvolti. Pertanto, credo che un giovane laureato, in materie giuridiche, non debba lasciarsi scoraggiare dalla attuale congiuntura economica e, proseguendo i propri studi...puntare su stesso e sulle proprie qualità!

Intervista a Marco Manuli
Diplomato Master Diritto e Impresa (2007-2008)
Business School del Sole 24 ORE


Gallery