Offerte lavoro



 
 

 

Ingegneri nei Vigili del Fuoco, borse in Banca d'Italia

2 - 3 minuti Tempo di lettura
Ingegneri nei pompieri, borse in Banca d'ItaliaFine agosto e inizio settembre, in Gazzetta, dedicano i concorsi pubblici più interessanti ai laureati in materie tecniche, economiche o scientifiche per motivi di studio, ricerca o con contratti definitivi. Si va dai Vigili del Fuoco alla Banca d’Italia, per finire con l’Istituto zooprofilattico della Puglia e della Basilicata.

Ma andiamo con ordine: saranno assunti in qualità di vice direttori del ruolo dei direttivi del Corpo nazionale dei vigili del fuoco dieci laureati in Ingegneria o Architettura, d’età non superiore ai 35 anni, abilitati all’esercizio della professione. La notizia del concorso appare sulla Gazzetta Ufficiale n. 66 di martedì 26 agosto, mentre la domanda di partecipazione deve  essere  compilata sul  sito web del Dipartimento dei vigili del fuoco,  del  soccorso  pubblico  e  della difesa civile entro giovedì 25 settembre.

Come si legge nel bando i partecipanti, oltre a un’eventuale preselezione da realizzare in base al numero delle domande ricevute, dovranno sostenere due prove scritte e una prova orale.

Come da tradizione arrivano poi dalla Banca d’Italia gli avvisi per neolaureati in Economia che abbiano voglia di formarsi all’estero attraverso tre diverse opportunità. Le tre borse di studio “Bonaldo  Stringher” nel campo dell’economia politica e della politica economica; le due borse di studio “Giorgio Mortara” per continuare gli studi sulle metodologie matematiche, statistiche ed econometriche, principalmente finalizzate  all'analisi delle istituzioni, dei mercati e degli strumenti finanziari e della loro regolamentazione; le due borse di studio “Donato Menichella” (queste ultime destinate al perfezionamento  all’estero o anche in Italia) sulle interrelazioni tra crescita economica ed ordinamento giuridico nonché sugli impatti della regolamentazione sulle attività economiche.

I vincitori delle si impegnano a frequentare nell’anno accademico 2015/2016 un corso della durata di almeno 9 mesi. Il valore complessivo del contributo che riceveranno è pari a 24mila euro, in 4 rate. Da segnalare, infine, che la Banca d’Italia può, inoltre, conferire – ai vincitori e ai particolarmente meritevoli, individuati dalle relative Commissioni – borse di avviamento alla ricerca della durata di tre mesi prorogabili fino a sei da fruire all’interno dell’Istituto per la partecipazione a progetti di ricerca.

Possono partecipare, entro il prossimo 13 ottobre, i giovani laureati in uno degli atenei del Belpaese dopo il 31 luglio 2012 con una votazione non inferiore a 110/110 che conoscano una o più lingue straniere.

La carrellata si chiude con l’avviso per il conferimento di 46 borse di studio, della durata di 18 mesi, per l'espletamento di programmi di formazione corrente 2014 promosse dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Puglia e della Basilicata.

Possono partecipare, entro il 18 settembre, tecnici sanitari di laboratorio biomedico, periti chimici, informatici, laureati in Biologia, Veterinaria, Chimica o Fisica, Scienze e tecnologie alimentari o Scienze delle produzioni animali.

Il sommario dell’ultima Gazzetta, edito online lo scorso venerdì 5 settembre, si può leggere sul sito web istituzionale.


Laura Lapenna
8 settembre 2014


Foto: Jean-Pierre D’Albera

Gallery